Oggi ti presento: Nikolas Zichittella

Nonostante la stagione tutt'altro che positiva a Trino sono stati lanciati in prima squadra diversi elementi giovani di buon livello, prontamente analizzati dal match analyst di IamCalcio Mirco Vecchi, per la rubrica settimanale "Oggi ti presento" tenuta sulle pagine del nostro sito. Questo perché in casa vercellese non si guarda solamente al risultato del momento ma si pianifica anche in ottica futura e giocatori come Nikolas Zichittella, attaccante che sta facendo molto bene con la maglia del Le Grange Trino, hanno tutti i numeri per crescere ulteriormente e diventare nel breve tempo giocatori di categoria anche superiore.

Quintultimo posto in classifica ad otto giornate dalla fine del campionato per il Le Grange Trino; con una rosa ambiziosa e rivoluzionata rispetto alla precedente annata i vercellesi sulla carta erano chiaramente una delle pretendenti alla lotta per i play off ma un avvio di stagione complicato in cui hanno conquistato solamente dieci punti nelle prime otto giornate di campionato ha complicato il cammino della squadra che nelle successive domeniche non è riuscita ad invertire il trend negativo nonostante il buon gioco espresso. A farne le spese è stato in primis l’allenatore Caricato, esonerato dopo 19 giornate di campionato e 22 punti raccolti: il suo posto è stato preso dalla coppia Sora-Gioia, ma la situazione non è cambiata e i vercellesi ora navigano nelle pericolose acque della zona play out. Tra i giocatori biancoazzurri più positivi in questa stagione altalenante troviamo Nikolas Zichittella, punta centrale degli azzurri sempre pronta a lottare per la maglia.

Zichittella, nato il 1 febbraio 1998, è cresciuto nel settore giovanile della Pro Vercelli. Nel 2016/17 passa al Cornelliano Roero dove ha esordito in Eccellenza mentre lo scorso campionato ha militato nel Rivoli dove i tre gol realizzati durante la stagione non sono bastati a contribuire alla salvezza della squadra retrocessa a fine annata in Promozione. In estate Zichittella ha scelto di accasarsi al Le Grange Trino e in biancoazzurro ha potuto riabbracciare mister Caricato: il classe '98 è molto legato al suo ex tecnico, tra i due esiste un rapporto di grande stima reciproca coltivato negli anni. Nel febbraio 2017 è stato Caricato, allora tecnico del Corneliano Roero, ad aver lanciato con continuità il giovane attaccante in prima squadra e sempre lo stesso mister se l’era portato con sé nella sfortunata stagione di Rivoli, continuando a coltivare il sodalizio nel Le Grange Trino.

Zichittella, alto 174 centimetri per 75 kg, baricentro basso, fisico massiccio ma tarchiato, nel complesso risulta essere leggermente oltre il suo peso forma, tuttavia nonostante la non brillante condizione fisica stupisce nella parte atletica per la sua eccezionale rapidità; reattivo e rapido nel breve e negli scatti, ottimo in progressione, potente forza esplosiva, discreta resistenza fisica. Non troppo mobile e flessibile, dimostra grandi capacità coordinative, specie nella protezione e nell’orientamento della palla, bravo nel mantenere l’equilibrio anche quando sbilanciato dall’avversario.

Dotato di ottima tecnica individuale, destro naturale, sinistro discreto ma tende ad usarlo meno, il giocatore ha un buon tiro anche se deve migliorare la sua freddezza sotto porta; preciso nei passaggi, gioca molto in funzione della squadra. Bene nella conduzione della palla, bravo nei dribbling e nelle finte, possiede fantasia motoria alla quale non applica un ritmo continuo ma fiammate improvvise ed accelerazioni repentine.

In questa stagione è stato possibile ammirare Zichittella in diverse soluzioni tattiche: nel girone d’andata è stato schierato come punta centrale nel 4-3-3, successivamente complice l’arrivo nel mercato di riparazione di Simone Menabò, il classe '98 è stato utilizzato sia come partner d’attacco del nuovo acquisto nel 4-3-1-2 sia come esterno offensivo destro nel 4-3-3; infine con il cambio della guida tecnica il giovane attaccante è stato proposto anche come esterno destro nel 4-4-2, ruolo che può all’occorrenza ricoprire ma che ne limita la pericolosità in fase offensiva partendo molto lontano dalla porta.

Zichittella è un attaccante versatile in grado di ricoprire tutti i ruoli del fronte offensivo; a mio giudizio il meglio lo dà quando viene schierato il più possibile vicino alla porta avversaria sia come riferimento centrale sia con un compagno di reparto. Nonostante la scarsa statura dimostra buona elevazione, è un centravanti fisico che gioca molto per i compagni, servito spesso con lanci lunghi è abile nella protezione della palla con l’utilizzo del fisico, grintoso, sempre pronto a lottare su ogni pallone, scaltro nel saper conquistare falli, grazie alle sue qualità permette alla squadra di poter rifiatare e di salire specie nei momenti più delicati della partita. Tende spesso a smarcarsi tra le linee, ama dialogare con i compagni di squadra specie con Menabò per poi attaccare la profondità; bene negli uno contro uno, è difficile da fermare grazie alla sua velocità ed alla sua potenza fisica, prezioso in fase di rifinitura con i suoi assist deve sicuramente migliorare in zona realizzativa diventando più freddo sotto porta anche perché il suo gioco di lotta e sacrificio gli toglie lucidità in fase di finalizzazione. In fase di non possesso fa un grande "lavoro sporco" sacrificandosi per i compagni, rientrando spesso dietro la metà campo, duellando su ogni pallone con grande vigore, sempre pronto a portare pressione agli avversari, deciso e caparbio nei tackle, non si dà mai per vinto fino all’ultimo minuto della partita.

Mirco Vecchi

Leggi altre notizie:LE GRANGE TRINO
Nikolas Zichittella
Nikolas Zichittella