Stresa, due ufficialità in ventiquattr'ore - I AM CALCIO VERCELLI

Stresa, due ufficialità in ventiquattr'ore

Niang con il presidente Pozzo
Niang con il presidente Pozzo
VcoCalcioMercato Dilettanti

Prende forma il nuovo Stresa di Talarico che si sta attrezzando in vista del prossimo campionato di Eccellenza dove la compagine borromaica, giocoforza essendo retrocessa dalla Serie D nell'ultima tornata, dovrà provare a recitare un ruolo da protagonista. La dirigenza stresiana sta lavorando su tutti i fronti per affinare una rosa che in questa estate ha bisogno di interventi profondi di restyling ma già molto è stato fatto anche se all'orizzonte restano alcuni colpi che potrebbero rendere ancora più accattivante il profilo della compagine lacuale.

Intanto è tempo di ufficializzazione e sono l'attaccante Atou Niang e il portiere Marco Bonassi a potersi vestire di "blues" nella stagione 2019-20.

Niang, centravanti senegalese classe '91, nell'ultima stagione ha indossato la casacca della Pro Dronero, avversaria dello Stresa nel girone A di Serie D, ma ha una storia calcistica alle spalle che parlare di un continuo andirivieni tra la massima categoria dei dilettanti e l'Eccellenza: arrivato in Italia nel 2008 per provare a sfondare nel calcio, l'attaccante ha subito vinto l'Eccellenza ligure con la Caperanese, giocando in seguito in Serie D con il Chiavari Caperana per tre stagioni. Il ritorno in Eccellenza con l'Argentina di Arma di Taggia è solamente un passaggio perché anche qui il giocatore vince il campionato tornando in D, per giocare anche con Sanremo e Rapallo. Nel 2016 il passaggio in Piemonte con la maglia del Bra per poi accettare la corte della Pro Dronero in Eccellenza, portata subito in D. Un giocatore talismano dunque, con cui lo Stresa spera di fare lo stesso percorso: "Ogni volta che sono tornato in Eccellenza, ho dato il mio contributo per la vittoria del campionato. Mi piace lavorare molto per continuare il percorso di crescita. Nella mia testa c’è un solo pensiero: giocare bene, essere utile alla squadra e vincere. Sono molto felice di essere qui a Stresa, appena arrivato ho capito subito che questa società mi voleva fortemente. Io farò di tutto per gratificare il Presidente, i tifosi, il direttore che mi ha cercato con insistenza". Queste le prime parole da giocatore stresiano del nuovo arrivato.

Bonassi non ha invece bisogno di presentazioni: portiere classe '92 che ha già maturato esperienze di livello, il giocatore arriva da una stagione tribolata agli Orizzonti United, terminata con la retrocessione della formazione vercellese nel girone A di Eccellenza. Anche un'esperienza novarese nel curriculum del portiere, quella con la Romentinese e Cerano, prima di indossare anche le casacche di Alicese e Le Grange Trino. Bonassi arriva a Stresa per giocarsi il posto con il confermato Barantani in un dualismo che, almeno in partenza, mette i due portieri sullo stesso piano: "Alla mia età è giusto provare a cercare nuovi stimoli, arrivo a Stresa dove trovo un compagno di reparto che prima è stato un grande avversario. Credo che, nel nostro ruolo, avere un compagno forte sia un’ulteriore sfida e occasione di crescita e confronto. Una sana competizione porta sempre risultati insperati e superiori, quindi anche per questo sono contento di poter lavorare ancor più duramente per la squadra. Non per il posto, ma per la squadra, perché giochiamo tutti per la stessa maglia. L’obiettivo è fare il bene della squadra, di una società che lavora al massimo per ottenere dei risultati importanti, anche grazie a noi".

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:STRESA CalcioMercato Dilettanti