Sizzano, una storica Promozione: "Sorpresa? Perché no?" - I AM CALCIO VERCELLI

Sizzano, una storica Promozione: "Sorpresa? Perché no?"

La squadra al lavoro
La squadra al lavoro
NovaraPromozione Girone A

Affacciarsi ad una stagione storica genera di per sé grande entusiasmo, ma farlo dopo averne vissuta un'altra da protagonisti ed esserne usciti con il vago sapore dell'ingiustizia come successo al Sizzano probabilmente raddoppia il godimento.

I biancazzurri novaresi la Promozione sfuggita sul campo all'ultimo atto dei playoff l'hanno guadagnata chiedendo un ripescaggio che in casa sizzanese tutti erano consapevoli di meritarsi; ma l'essere approdati in Promozione non diventa un punto d'arrivo, semmai di una nuova ripartenza perché a Sizzano nessuno soffre di complessi di inferiorità: "Sarà necessario alzare l'asticella - commenta il presidente Giroldi - ne siamo consapevoli, ma pensiamo di esserci meritati questo palcoscenico e vogliamo giocarcelo con tutti come il Sizzano ha sempre fatto. Non faremo il passo più lungo della gamba, siamo una società sana e seria e vogliamo continuare ad esserlo anche in Promozione ma cercheremo di ben figurare. Ambizioni? Non ci poniamo limiti ma abbiamo i piedi per terra, salvarsi senza patemi d'animo sarà il nostro successo".

Confermato sulla panchina novarese Matteo Paladin che del Sizzano, da tre anni a questa parte, è il traghettatore della panchina ed uno degli artefici di questo sogno ad occhi aperti a tinte biancazzurre: "C'è tantissima soddisfazione - sono le prime parole del tecnico - nell'essere approdati in Promozione perché sia la società che i ragazzi per me meritano di calcare questi campi. Il nostro obiettivo dovrà essere assolutamente quello di salvarci perché la nostra realtà non può competere a livello economico con altre che militano nella nostra stessa categoria; ma sono assolutamente fiducioso perché sono sicuro che i pilastri della scorsa stagione, i cosiddetti "vecchi", si confermeranno perché la Promozione è un campionato in cui possono tranquillamente stare, che i più giovani come Delfino, Bovo, Borruto e Grazioli continueranno la loro crescita già intrapresa nel campionato dell'anno scorso e che i nuovi possano far bene dando al Sizzano quello che mancava. La possibile sorpresa? Mi piace come ruolo, giocheremo per il sestultimo posto non snaturandoci, ossia continuando a giocare a calcio".

Non è poi cambiato più di tanto il Sizzano rispetto alla scorsa stagione, se non nel inserimento di quei giovani classe 2000 e 2001 che mancavano nel roster di partenza dei novaresi di Paladin: "Sono soddisfatto della campagna acquisti operata dalla società: sono arrivati due attaccanti come Yeboah, che volevo già dalla scorsa stagione e che sono sicuro sostituirà egregiamente un ottimo giocatore come Bouzida, e Marangon che mi è stato fortemente consigliato da più di una persona; sono arrivati poi parecchi giovani su cui ci sarà da lavorare ma che hanno ottime referenze e ampi margini di crescita. Dovranno però darci una mano crescendo in fretta perché abbiamo poco tempo e la Promozione non aspetta nessuno".

La stagione del Sizzano è partita leggermente in ritardo rispetto al resto del lotto delle squadre di Promozione, circa una decina di giorni fa. Una scelta dettata dalla necessità di completare la rosa a disposizione del tecnico: "Un lavoro che non è ancora del tutto finito - continua l'allenatore - perché stiamo valutando qualche altro giocatore soprattutto nella zona centrale del campo. Il Sizzano ha bisogno di giocatori che sappiano essere uomini e che rispettino alcuni paletti di bugdet che per una realtà come la nostra sono fondamentali, per cui non è facile trovare il profilo giusto. Partire dopo però non è importante, lo è di più arrivare pronti al campionato: vogliamo partire bene perché stiamo lavorando sull'onda dell'entusiasmo a cui però bisogna associare qualche buon punto soprattutto in avvio. Contiamo però di mantenere una condizione stabile per tutta la stagione, grazie anche al lavoro di un allenatore di categoria superiore come Giorgio Rotolo che mi sta dando una grande mano in fase di preparazione: questo Sizzano correrà, dal primo settembre quando avremo il Briga in Coppa al termine del campionato".

La rosa del Sizzano 2019-20:

Portieri: Victor Sapescu (Briga), Riccardo Tega (Oleggio).

Difensori: Roberto Cupia (confermato), Filippo De Vito (Sparta Novara), Francesco D'Elia (Sparta Novara), Fasri Doumbia (Olimpia Sant'Agabio), Lorenzo Finotti (confermato), Luca Forzani (confermato), Matteo Raffaelli (confermato).

Centrocampisti: Enrico Colombo (confermato), Marco Giroldi (confermato), Alessandro Grazioli (confermato), Samuele Mafezzoni (Borgosesia), Patrick Marangon (Dufour Varallo), Alessandro Soro (confermato).

Attaccanti: Mattia Borruto (confermato), Andrea Bovo (confermato), Andrea Delfino (confermato), McAnthony Yeboah (Sanmartinese).

Carmine Calabrese

Leggi altre notizie:SIZZANO Promozione Girone A