L'avvio da sogno del Sizzano, dopo la Juve Domo anche il Bulé - I AM CALCIO VERCELLI

L'avvio da sogno del Sizzano, dopo la Juve Domo anche il Bulé

Forzani fa centro dal dischetto, 3-1
Forzani fa centro dal dischetto, 3-1
NovaraPromozione Girone A

Un avvio di campionato di queste proporzioni a Sizzano, anche considerando il calendario tutt'altro che agevole, erano in pochi ad augurarselo anche tra i tifosi più ottimisti. Sette punti, frutto di due vittorie con formazioni di alto calibro come Juventus Domo e Bulé Bellinzago e un pareggio esterno con la Dufour Varallo consegnano alla compagine di Paladin il secondo posto assoluto nella graduatoria anche se in casa biancazzurra si predica calma, non spostando l'obiettivo dalla salvezza nella prima stagione assoluta vissuta in Promozione dalla società novarese. Per contro il Bulé Bellinzago è in ritardo sulla tabella di marcia soprattutto per chi, e sono molti, presagiva per la formazione di Colombo un ruolo di primo piano in campionato: i tanti infortuni patiti in questo avvio di stagione e qualche calo di concentrazione di troppo nelle prime gare stagionali hanno tuttavia zavorrato il cammino del Bulé che continua ad avere tutte le carte in regola per ambire a qualcosa di importante ma che dovrà cominciare ad evitare di lasciare punti pesanti per strada.

Difesa da registrare Ancor prima di partire Paladin è costretto a sostituire Delfino, che avverte un fastidio muscolare e va in panchina, con Bovo ma il Sizzano non risente del cambio dell'ultimo momento e l'avvio di partita è spumeggiante, con le due squadre che nel primo quarto d'ora si affrontano senza nessun tatticismo. Ne guadagna lo spettacolo e fioccano i gol: al 6' i padroni di casa trovano il vantaggio proprio con Bovo, segno del destino, bravo a concludere con un diagonale vincente l'azione avviata da un passante di Yeboah che buca la statica difesa ospite. Il Bulé Bellinzago non si perde d'animo e al 9' riequilibra le sorti del confronto con Minniti che si smarca in area ed insacca con il piattone il perfetto cross dalla fascia mancina di Tinaglia. Il Sizzano ha però capito come prendere di infilata la difesa avversaria e senza timori reverenziali continua a tambureggiare fino al 17', quando Bovo parte alle spalle di Bompan concludendo con un diagonale che Scarlatti non trattiene e sul quale interviene come un falco Yeboah che in acrobazia deposita alle spalle del portiere ospite. Il Bulé resta in partita, al 21' è a vuoto l'uscita di Tega con Forzani che spazza il pallone sulla linea bianca ma con l'azione ferma per un fuorigioco degli attaccanti in maglia nera. Al 24' Capacchione chiama Tega alla parata con i piedi lasciando partire un rasoterra affilato ma al 26' il Bulé sbaglia l'impostazione in uscita mettendo in movimento Marangon che libera al tiro Bovo che, da buona posizione, non inquadra lo specchio di porta. La partita è viva perché le due squadre non rinunciano ad offendere, alla mezz'ora Marangon dal limite raccoglie un pallone in uscita dall'area, se l'aggiusta e lascia partire una conclusione lenta facile preda di Scarlatti, sul fronte opposto il Sizzano rischia di farsi male da solo attivando con un retropassaggio Minniti sul quale è fulmineo in uscita Tega (38'). Prima del riposo c'è ancora tempo per una spizzata di Capacchione che viene fuori troppo debole per ingannare il portiere locale.

Dischetto decisivo L'onere di produrre gioco è tutto sulle spalle dei padroni di casa che in avvio di ripresa, pur senza cambiare niente in campo, si affannano alla ricerca del pareggio costringendo il Sizzano a proteggere la propria metà campo per poi cercare di ripartire in contropiede, forte della velocità dei propri interpreti d'attacco. Al 9' Capacchione ci prova in semi rovesciata ma la sfera è indirizzata verso il centro della porta e Tega non si lascia sorprendere. Tutto potrebbe cambiare al 22' quando Soro, in piena area di rigore, si aggancia con Mostoni inducendo il direttore di gara a fischiare la massima punizione: Minniti dal dischetto fa centro ma in area secondo Cipriano c'era troppi giocatori e la battuta dev'essere ripetuta; sempre Minniti si incarica di calciare, l'attaccante cambia angolo ma il tiro esce alto e sorvola la traversa. Il colpo è pesante per il Bulé anche perché di lì a poco, nella propria area di rigore, Bompan tocca con le mani il pallone sul tiro di Yeboah: l'arbitro assegna la punizione dal limite ma, richiamato dal guardalinee, cambia idea indicando il dischetto del rigore; Forzani dagli undici metri ha una consolidata tradizione, prende il pallone e spiazza Scarlatti, portando il Sizzano sul 3-1 (27'). Colombo non ci sta, prova il tutto per tutto inserendo in rapida successione anche Ticozzelli e Vitale e piazzando al centro dell'attacco Motta a fungere da boa ma le azioni del Bulé Bellinzago perdono in efficacia tanto che gli ospiti non riescono quasi mai ad impensierire l'accorto difesa del Sizzano che nel quarto d'ora finale si chiude a riccio, a difesa di un successo che lancia i padroni di casa ai vertici della classifica.

SIZZANO-BULE' BELLINZAGO 3-1

Reti: 6' Bovo (S), 9' Minniti (B), 17' Yeboah (S); 27'st Forzani rig. (S).

Sizzano (4-3-1-2): Tega; Finotti, Cupia, Forzani, Raffaelli; Soro (24'st Colombo), Giroldi, Mafezzoni; Marangon (8'st Grazioli); Bovo (8'st Delfino), Yeboah (46'st Truzzi). A disposizione: Sapescu, D'Elia, Truiolo, Borruto, Falconelli. All. Paladin (squalificato, in panchina Bellingeri).

Bulé Bellinzago (4-3-3): Scarlatti; Nesticò (38'st Vitale), Bompan, Motta, Tinaglia (33' Tessitore); Stangalino, Lazzarini (31'st Ticozzelli), Pescarolo (11'st Mostoni); Monzani, Minniti, Capacchione. A disposizione: Mazziotti, Maseroli, Buccolini, Campra, Nino. All. Colombo.

Arbitro: Cipriano di Torino.

Note: Ammoniti Forzani, Grazioli, Cupia e Soro per il Sizzano, Monzani e Motta per il Bulè Bellinzago. Al 22'st Minniti (B) spedisce alto un calcio di rigore.

Carmine Calabrese