Carta cambia aria, la nuova esperienza si chiama Pro Roasio - I AM CALCIO VERCELLI

Carta cambia aria, la nuova esperienza si chiama Pro Roasio

Roberto Carta lascia Carpignano
Roberto Carta lascia Carpignano
NovaraCalcioMercato Dilettanti

Arrivano momenti in cui sentire attorno a sé la fiducia di squadra, tecnici e società diventa fondamentale per rendere al meglio in campo. E quando questa percezione manca l'unica scelta possibile diventa quella di cambiare aria per continuare a giocare altrove con la stessa efficacia sempre dimostrata sotto porta. Un po' quello che è successo a Roberto Carta che, insoddisfatto di come la stagione sia ricominciata a Carpignano, ha virato per una scelta diversa che annoveri però sempre la Prima categoria anche se nel raggruppamento B accettando l'offerta della Pro Roasio.

Lo strappo, avvenuto recentemente con l'ambiente granata, ha origine proprio nella sensazione di non sentirsi più protagonista al cento per cento: "A Carpignano mi sono sempre trovato bene e sono sicuro che anche quest'anno, nonostante la prima gara di Coppa mi abbia visto partire dalla panchina, sarei riuscito a ritagliarmi il mio spazio come ho sempre fatto. Nell'ultimo periodo c'è stata però qualche incomprensione con la società, che spero però sia stata risolta perché rispetto molto i dirigenti sesiani, ma questo mi ha portato a pensare il mio futuro altrove valutando offerte diverse".

A livello tecnico la società granata ha virato sull'inserimento di elementi più giovani nel reparto d'attacco e questo è stato motivo di tensione per un giocatore che si sente ancora di poter dare tanto sotto porta: "Sono arrivato a Carpignano nella scorsa stagione - continua Carta - presentato un po' come la ciliegina sulla torta di un mercato volto a portare la squadra in Prima categoria, risultato che abbiamo raggiunto e a cui ho contribuito con 11 gol in 14 presenze. Quest'anno, nonostante le rassicurazioni del mister che in estate mi aveva ancora confermato la sua fiducia, le cose sono cambiate e c'è stato qualche screzio di cui mi spiace molto perché con Alosi ho sempre avuto un buon rapporto e spero di continuare ad averlo in futuro. Purtroppo nell'ultimo periodo ho anche dovuto convivere con alcuni problemi lavorativi che non mi hanno consentito di essere presente al cento per cento e credo sia giusto che il mister abbia fatto le sue scelte; io ho sentito il bisogno di cambiare aria ma questo non cancella una stagione che è stata comunque positiva per me, perché a Carpignano lascio tanti amici ed una società che stimo".

Quella di Roasio rappresenta dunque una soluzione che rende tutti contenti, anche se il giocatore ha avuto la possibilità di scegliere tra diverse soluzioni in tutte le categorie: "Nell'ultimo periodo ci sono stati tanti contatti non solo dalla Prima categoria ma anche da formazioni di Seconda e Terza che volevano puntare su di me. La scelta di Roasio credo che sia quella più giusta in questo momento, l'ambiente è ideale per giocare a pallone ed io mi sento benissimo, non ho alcuna voglia di smettere e penso di avere ancora tanto da dare. Mi sono trasferito da poco a San Giacomo Vercellese per cui anche logisticamente la destinazione è comoda perché molto vicina a casa: ho avuto modo di conoscere il progetto della società che credo sia molto valido ed ambizioso ed in più mi sembra di aver percepito le sensazioni che ti dà un ambiente serio, dove bisogna pensare unicamente a giocare a pallone al meglio. Ho 33 anni ma sentirsi considerato in maniera così positiva resta sempre un piacere; ho un obiettivo, quello di raggiungere al più presto i 200 gol in carriera: me ne mancano solamente 39, spero di poter festeggiare questo traguardo indossando la mia nuova maglia".

Carmine Calabrese